Il concorso

Il concorso internazionale di idee per Bagnoli ha l’obiettivo di disegnare il nuovo paesaggio dell’ex area industriale di Napoli, che ha un’estensione di 250 ettari, per trasformarla in uno dei più grandi e affascinanti parchi urbani su scala internazionale.

Il futuro dell’area di Bagnoli, contenuta nel Programma di risanamento ambientale e rigenerazione urbana, è la valorizzazione delle risorse geografiche, paesaggistiche, ambientali, sociali e culturali ed il rispristino dello stato di vivibilità e di benessere dei luoghi per la cittadinanza e per i futuri fruitori dell’area.

Si intende dare corpo a questa visione attraverso la realizzazione di un insediamento a bassa densità, connotato da un’alta qualità ambientale, i cui elementi chiave sono il verde ed un’offerta differenziata di nuove attività residenziali, commerciali e terziare.

Il cuore del nuovo insediamento è il grande parco urbano di circa 120 ettari che si candida a divenire il nuovo polmone verde di Napoli. Un attrattore che al suo interno ospiterà manufatti di archeologia industriale, spazi per la ricerca, attività per lo sport e il tempo libero e che, attraverso i suoi 2 km di waterfront, è un ideale collegamento con il mare del golfo di Napoli.

Il bando servirà a definire il futuro assetto del parco e delineare l’assetto planivolumetrico complessivo dell’area per la sua massima valorizzazione naturale e paesaggistica.

Il concorso è indetto da Invitalia, l’Agenzia Nazionale per lo Sviluppo con sede a Roma.

La scadenza è fissata per il 7 gennaio 2020 alle ore 11:00.

Tema del concorso

Le idee progettuali dovranno contenere una proposta originale per la realizzazione di un disegno unitario della nuova area di Bagnoli, il cui cuore pulsante sarà il grande parco urbano connesso alla spiaggia pubblica e al mare.

L’ex zona industriale dovrà essere inquadrata in un’ottica di continuità territoriale tra l’area già urbanizzata (i quartieri Bagnoli e Cavalleggeri, la Collina di Posillipo, l’area archeologica di Posillipo, ecc.) e il futuro insediamento. Bisognerà porre particolare attenzione al tema dell’accessibilità e delle connessioni all’interno e all’esterno dell’area.

Le idee progettuali dovranno garantire la massima integrazione tra le nuove funzioni (residenze, aree verdi, attività ricettive, commerciali, infrastrutture, ecc.) e i manufatti di archeologia industriale, il parco e il sistema dell’accessibilità, privilegiando il massimo mix funzionale e tipologico.

Le proposte dovranno inoltre assicurare la realizzazione della Smart City Bagnoli che integri sistemi, tecnologie e infrastrutture per puntare alla massima sostenibilità ambientale, economica e sociale di tutti gli interventi sia in fase di realizzazione che di gestione.

 

L’Area

Il sito di Bagnoli è un luogo emozionante e unico nel suo genere.

La presenza del mare e della spiaggia, della collina di Posillipo e dell’Isola di Nisida, unite alle invidiabili condizioni climatiche, costituiscono un contesto di grande valenza ambientale e paesaggistica che per secoli è stato meta turistica e ha esercitato un grande richiamo come luogo di cure termali.

Dall’inizio del ‘900 il quartiere è diventato la sede di uno dei più importanti insediamenti industriali in Italia, soprattutto per la presenza dell’acciaieria Ilva, dismessa a partire dagli anni Novanta. Da quel momento è iniziato un percorso di riconversione per restituire a Bagnoli tutta la sua bellezza.

Attualmente la zona è al centro di una delle operazioni di recupero e valorizzazione più importanti d’Europa, sostenuta dal Governo e dalle istituzioni locali, con il coinvolgimento dei cittadini e delle organizzazioni presenti sul territorio. L’obiettivo è restituire alla popolazione e all’uso collettivo un’enorme area completamente riqualificata, che ha le potenzialità per diventare uno dei luoghi più attrattivi del Paese.

Gli interventi previsti dal concorso internazionale riguardano l’area così come riportata di seguito:



Clicca l’immagine per ingrandire

 

A chi si rivolge

Il concorso si rivolge agli studi di architettura italiani e internazionali specializzati nella progettazione di parchi urbani e di waterfront.

Per partecipare, ciascun candidato dovrà costituire un team di concorso, composto da almeno: un architetto con competenze architettoniche, paesaggistiche e urbanistiche; un ingegnere con competenze idrauliche, strutturali, geotecniche, impiantistiche, ambientali e territoriali; un agronomo o un forestale; un geologo.

La presenza nel team di concorso di giovani professionisti, laureati e abilitati da meno di 5 anni, in qualità di progettisti costituisce oggetto di valutazione per l’attribuzione di punteggi in fase di preselezione delle candidature.

A supporto dei componenti del team, e con l’obiettivo di integrare le competenze necessarie, ciascun partecipante dovrà indicare ulteriori figure professionali: un laureato in sociologia; un laureato in economia; un laureato in scienze naturali; un laureato in archeologia.

Per i cittadini stranieri i requisiti sono soddisfatti se i soggetti sono in possesso di un diploma di laurea, certificato o altro titolo professionale, il cui riconoscimento sia garantito sulla base della Direttiva 2005/36/CE. L’equipollenza del titolo di studio deve essere dimostrata dal candidato con un apposito documento.

Nel caso di partecipazione in forme associate o di consorzi deve essere identificato un mandatario/capofila/capogruppo, unico responsabile e referente nei confronti di Invitalia.

 

Come si svolge

Per partecipare al concorso bisogna registrarsi su gareappalti.invitalia.it cliccando sul link “Registrazione al portale”. Dopo la registrazione sarà inviato all’indirizzo PEC fornito un messaggio di conferma per iniziare a operare sulla piattaforma web e inviare le offerte.

Il concorso prevede due momenti: quello di preselezione e quello di presentazione delle idee progettuali da parte dei concorrenti selezionati.

La preselezione degli operatori che avranno presentato la propria candidatura è affidata ad una commissione giudicatrice che provvede alla valutazione dei dossier, in base alla quale stilerà un elenco di 20 candidati che saranno invitati alla fase di valutazione concorsuale delle idee progettuali.

Per poter presentare le idee progettuali i concorrenti dovranno effettuare un sopralluogo obbligatorio nelle aree oggetto del concorso.

La lingua ufficiale della procedura concorsuale è l’italiano.

L’intera documentazione del concorso è disponibile sul sito gareappalti.invitalia.it

L’ammontare complessivo dei premi del Concorso è di 325.000 euro, così suddiviso:

al 1° classificato 150.000 euro, al 2° classificato 100.000 euro, al 3° classificato 75.000 euro

Invitalia si riserva la possibilità di affidare al 1° classificato l’incarico per la realizzazione dei successivi livelli di progettazione, che hanno un importo stimato pari a circa 4.000.000 di euro.

 

Contatti e informazioni

Il codice CIG è: 8024794D7D

Il codice CUP è: C69G15001840001

Gli operatori economici potranno richiedere chiarimenti entro il 13 dicembre 2019, previa registrazione, esclusivamente mediante il portale gareappalti.invitalia.it nell’apposita area “Comunicazioni”.

Vai alla pagina con tutti i dettagli sul bando

Per richieste di supporto nell’utilizzo della piattaforma

Tel. +39 081 0084010
dal lunedì al venerdì dalle ore 08:30 alle 18:30

E-mail: invitalia@I-Faber.com

 

News

In volo su Bagnoli: ecco l’area vista dall’alto

In volo su Bagnoli: ecco l’area vista dall’alto

07/09/2019

Le riprese di un drone offrono una prospettiva inedita dell’ex sito industriale

A Bagnoli il più grande centro europeo di produzione degli organismi marini

A Bagnoli il più grande centro europeo di produzione degli organismi marini

09/07/2019

Invitalia consegna l’ex "Turtle Point" alla Stazione Anton Dohrn. Già pronto il progetto di riqualificazione

Rilancio Bagnoli: dal Cipe 320 milioni per il triennio 2019-2021

Rilancio Bagnoli: dal Cipe 320 milioni per il triennio 2019-2021

05/04/2019

Stanziate le risorse per proseguire il recupero dell’ex area industriale di Napoli